Obesità: Terapie Invasive

Il by-pass gastrico

Descritto per la prima volta da Wittgrove e Clark (1994) nella sua variante laparoscopica, il by-pass gastrico rappresenta attualmente la migliore alternativa chirurgica bariatrica laparoscopica. Tecnicamente molto complesso, può essere eseguito con differenti varianti tecniche.

Fondamentalmente, il by-pass gastrico consiste nella creazione di una piccola "tasca gastrica" (volume di 15-20 ml) alla quale viene anastomizzata (connessa) un'ansa intestinale isolata (ansa alimentare). Si ottiene una tasca gastrica, grande quanto mezzo bicchiere che può quindi contenere solo limitate quantità di cibo, che "imbocca" una nuova strada "saltando" (by-pass) lo stomaco, il duodeno ed il primo tratto dell'intestino tenue che vengono riconnessi all'ansa alimentare (bypass ad "Y" o "RNY").

Nel Bypass gastrico non si asporta alcuna parte dello stomaco o dell'intestino. È una tecnica che permette al paziente di sentirsi soddisfatto pur ingerendo una piccolissima quantità di cibo. È consigliata a persone con un indice di massa corporea pari almeno a 40, giacché il rischio di complicazioni intra e postoperatorie risulta molto alto.

Nel 40% dei pazienti produce un calo di peso del 70% circa, a patto che a questo intervento venga abbinato un cambio sostanziale nella condotta alimentare. 
Nell’80% dei casi riporta, in 2, 3 mesi, colesterolo e trigliceridi a livelli normali.

Riducendo l’ipertensione arteriosa e i livelli di colesterolo, diminuisce anche il rischio di patologie cardiache. Elimina completamente il riflusso gastroesofageo. Se il paziente è affetto da diabete mellito ci sono il 90% di possibilità di ridurre lo zucchero nel sangue a livelli normali. L’intervento elimina completamente l’apnea nel sonno e migliora significativamente l’asma e l’insufficienza respiratoria.

DietTube® è un marchio registrato internazionale ed è Patent Pending USA | Norme di utilizzo del sito di Diet Tube