Cellulite

Classificazione dei vari tipi di cellulite

La cellulite e’ una malattia evolutiva e i diversi aspetti nei quali si manifesta possono essere modificazioni nel tempo di una cellulite non curata o non ben curata. Una ragazza con cellulite avra’ sempre la tendenza ad avere la cellulite;quello che potra’ fare e’ mantenerla sotto controllo , ridurla al minimo con l’aiuto di uno stile di vita congruo e di terapie specifiche e di non farla evolvere in quadri piu’ gravi.

La Cellulite nelle sue diverse fasi evolutive

Fase edematosa

E’ la fase precoce, in cui prevale il ristagno dei liquidi a livello tessutale e la cellulite si apprezza solo all’ispezione obiettiva durante la pressione digitale; possono essere presenti gonfiore e pesantezza degli arti inferiori. In questa prima fase , se ben trattata, la cellulite scompare.

Fase fibrosa

A questo livello il problema e’ piu’ ampio e coinvolge il tessuto adiposo dell’ipoderma; la cellulite e’ visibile (“buccia d’arancia”): il ristagno di liquidi e la cattiva circolazione producono un rigonfiamento adiposo (adiposita’ cellulitica). A questo punto si formano piccoli noduli e il tessuto connettivo di sostegno perde elasticita’ e diventa piu’ rigido .

Fase sclerotica

E’ il risultato finale del processo di degenerazione tessutale; a questo stadio i noduli risultano piu’ grossi, induriti, dolenti; la pelle presenta avvallamenti e gonfiori evidenti, che le conferiscono l’aspetto “a materasso”. In alcuni casi la componente vascolare, con la ritenzione superficiale di liquidi e la ridotta funzione linfatica, ha un carattere fondamentale. Si configurano in questi casi due forme particolari , il lipoedema ed il lipolinfedema.

Lipoedema

Consiste nell’aumento di acqua e grasso, tipico dell’eta’ giovanile e nei casi di iper estrogenismo (pillola estro-progestinica)

Lipolinfedema

In questo caso e’ maggiormente evidente la componente edematosa linfatica, che conferisce un aspetto piu’ consistente all’edema per ristagno di linfa nei tessuti. Tale aspetto e’ visibile nella gamba, che si presenta gonfia a partire dalla caviglia.

Lipodistrofia

La lipodistrofia insorge quando alla distribuzione localizzata di grasso, soprattutto di vecchia data, si associa l’alterazione del sistema connettivale di sostegno con disfunzione del sistema venoso e linfatico. Essendo il risultato tardivo di un linfolipoedema e’ spesso associata ad altre patologie metaboliche o a disfunzioni ormonali.

Adiposità localizzate

La cellulite e’ un’alterazione del compartimento adiposo superficiale, che deve essere distinta dalla cosiddetta adiposita’ localizzata in cui si verifica , invece, un accumulo di grasso profondo, non degenerato. Spesso, in particolari regioni anatomiche, glutei, cosce , fianchi e addome, i due disturbi coesistono e il danno estetico della cellulite risulta accentuato dalla presenza dei depositi di grasso in eccesso. L’accumulo di grasso e’, inoltre, esso stesso causa di cellulite come ostacolo alla ossigenazione dello strato adiposo superficiale con conseguente ipossia cellulare e ridotta funzione della cellula adiposa.
DietTube® è un marchio registrato internazionale ed è Patent Pending USA | Norme di utilizzo del sito di Diet Tube